Ingegneria dell'Automazione

FAQ


In che cosa si differenzia l'Ingegneria dell'Automazione da altri Corsi di Laurea?
Il progetto e la realizzazione di un sistema di automazione richiede competenze in diversi ambiti tecnologici, quali l'elettronica e l'informatica, così come una buona preparazione di base in discipline ingegneristiche tradizionali, come la meccanica, le macchine elettriche, i controlli automatici. In altri Corsi di Laurea si approfondiscono con maggiore dettaglio aspetti specifici dei vari settori, mentre la preparazione fornita dal Corso di Laurea in Ingegneria dell'Automazione è più ad ampio spettro e "di sistema", privilegiando la capacità di integrare diverse competenze. Il laureato acquisisce così una preparazione che gli consente di adattarsi facilmente a diverse realtà del mondo del lavoro, garantendogli una flessibilità molto apprezzata.
La mia preparazione di base mi può consentire di frequentare con successo il Corso di Laurea in Ingegneria dell'Automazione?
Sì. Nei primi due anni di corso lo studio della matematica e della fisica non richiede conoscenze pregresse particolarmente dettagliate e lo studente è introdotto gradualmente ai vari argomenti. La preparazione di una buona scuola superiore, Liceo Scientifico, Liceo Classico, Istituti Tecnici e Professionali, è quindi sufficiente per affrontare con successo gli studi. Contano invece molto l'impegno e la costanza con cui si imposta lo studio.
Dove trova lavoro un Ingegnere dell'Automazione?
In settori tradizionali, quali l'industria di processo (chimica, petrolchimica, metallurgica,...), l'industria per la produzione di beni di largo consumo (automobili, veicoli in generale, alimentari, elettrodomestici,...), l'industria per la produzione di macchine automatiche e robot (confezionamento, assemblaggio,...). Nel settore dei servizi, nelle aziende di pubblica utilità per la produzione e la distribuzione di energia, gas, acqua. In settori meno tradizionali, quali la finanza, ad esempio per la previsione dell'andamento dei mercati, l'edilizia, per il controllo attivo degli edifici posti in zone sismiche, la medicina, per esempio per il controllo dell'anestesia o come ausilio alla chirurgia di precisione.
Cos'è la meccatronica e che connessioni ha con l'Ingegneria dell'Automazione?
Fonte Wikipedia: "La meccatronica è la scienza che studia il modo di far interagire tre discipline, quali la meccanica, l'elettronica, e l'informatica al fine di automatizzare i sistemi di produzione semplificando il lavoro umano. La meccatronica nasce dalla necessità di creare un know-how nell'ambito della modellistica, simulazione e prototipazione dei sistemi di controllo".
È chiaro che la meccatronica è parte dell'Ingegneria dell'Automazione, che offre appunto competenze in tutti i settori citati.
Ingegneria dell'Automazione è un corso di studi molto tecnologico, che lascia poco spazio a un approccio più metodologico?
No. Nel progetto di un sistema di automazione una fase di estrema importanza riguarda la modellazione matematica del sistema da automatizzare. Per far questo è necessario impossessarsi delle metodologie che consentono di trattare con lo stesso approccio problemi di natura molto diversa. Ciò significa che, accanto ai contenuti di tipo tecnologico, c'è uno spazio rilevante per chi voglia approfondire una visione più astratta dei problemi. Non a caso, nella Laurea Magistrale è prevista la possibilità di inserire nel piano degli studi corsi di carattere prettamente metodologico in aggiunta a quelli obbligatori.